Fino a 16 anni per violenza contro operatori sanitari: Il senato approva il DDL, testo passa alla Camera

Il DDl formulato dal precedente governo è stato approvato dal Senato, ora il testo passa alla camera. Questo DDL fortemente voluto dal precedente Ministro della Salute è una risposta decisa agli atti di violenza in forte crescita negli ultimi tempi. Si rischierà fino a 16 anni di detenzione per chiunque commetta atti di violenza fisica nei confronti degli operatori sanitari. IL TESTO.

Con 237 voti favorevoli, l’Assemblea di Palazzo Madama, mercoledì 25 settembre, ha approvato all’unanimità il disegno di legge n. 867, recante disposizioni in materia di sicurezza per gli esercenti le professioni sanitarie nell’esercizio delle loro funzioni. Il provvedimento passa ora all’esame della Camera.

Il provvedimento è stato approvato nel testo già licenziato dalla Commissione Sanità del Senato il 9 luglio scorso.

“Gli episodi di violenza e le aggressioni a chi lavora nel mondo della sanità sono inaccettabili. Oggi dal Senato è arrivata una prima importante risposta con voto all’unanimità. È la strada giusta su cui continuare a lavorare”. Lo scrive via Twitter il ministro della Salute, Roberto Speranza.

Ma vediamo nello specifico alcuni articoli importanti del testo:

L’articolo 1 del disegno di legge prevede l’istituzione di un osservatorio nazionale sulla sicurezza degli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie.

L’articolo 2, inserito in sede redigente, stabilisce pene aggravate per i casi di lesioni personali gravi o gravissime cagionate a personale esercente una professione sanitaria o socio-sanitaria o a incaricati di pubblico servizio

L’articolo 3 inserisce tra le circostanze aggravanti comuni del reato l’avere commesso il fatto con violenza o minaccia in danno degli esercenti le professioni sanitarie o socio-sanitarie nell’esercizio delle loro funzioni.

L’articolo 4, inserito in sede redigente, esclude, nei casi in cui siano commessi con violenza o minaccia in danno dei soggetti summenzionati nell’esercizio delle loro funzioni, i reati di percosse e lesione personale dall’ambito delle fattispecie punibili solo a querela della persona offesa.

Un ottimo risultato raggiunto dal mondo della politica, in difesa di chi si prende cura dei cittadini. Siamo in attesa dell’approvazione definitiva del testo.

Mirco Montinari

Nato a Maglie in Provincia di Lecce, laureato in Infermieristica presso l'Università degli Studi di Siena. Presta servizio inizialmente presso un poliambulatorio specialistico specializzandosi nella lettura di ECG. Diviene Istruttore di BLSD Adulto e Pediatrico dell'American Heart Association. Nel Marzo 2015 lavora come Staff Nurse in Chirurgia d'Urgenza, presso il Darlington Memorial Hospital a Darlington (United Kingdom). Nel Giugno 2017 ottiene il ruolo di Surgical Nurse Practitioner in Clinical Decision Unit dove si specializza nell'assessment del paziente chirurgico e il trattamento farmacologico. E' ideatore e fondatore di TheNursingPost.com. Ricopre le cariche di: -Presidente dell'Associazione Culturale "Ad Maiora" attiva nel campo della divulgazione scientifica -Supplente dei Revisori dei Conti del Collegio IPASVI di Lecce -Presidente dei Revisori dei Conti del Nucleo CIVES di Lecce

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Il Pericolo e le Figuracce dei Professionisti Sanitari sui Social

Mar Ott 1 , 2019
Gentile Lettore, Nelle ultime settimane, ho ricevuto diverse segnalazioni di situazioni di “disagio” social, in cui dei professionisti sanitari, infermieri o medici, battibeccavano come bambini sui profili social della FNOPI, di Infermieri e di un medico divenuto famoso alle cronaca per via della sua battaglia “Don Chisciottiana” nei confronti della […]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: