News Attualità
‘Batteri da incubo’ che resistono a tutto, scoperti 221 casi

Grazie ai loro geni hanno un’insolita resistenza a tutti o quasi gli antibiotici disponibili: sono i ‘batteri da incubo’ scoperti dai Centers for disease control (Cdc). Ben 221 i casi portati alla luce nel 2017 dai test di laboratorio. In 1 caso su 10 non c’erano sintomi nelle persone.
Ciò significa che il batterio, difficile da trattare, potrebbe essersi diffuso in modo inosservato nelle strutture sanitarie.
Anche se l’antibiotico-resistenza varia a livello geografico, rilevano i Cdc, è comunque presente in ogni stato americano: più di 23mila americani muoiono ogni anno per infezioni causate da batteri resistenti agli antibiotici, poco comuni o ‘armati’ di geni che li rendono insolitamente ‘immuni’ ai farmaci. Nel 25% dei campioni analizzati sono stati trovati geni che gli permettevano di diffondere la loro resistenza ad altri batteri.
Per questo gli Stati Uniti hanno predisposto un nuovo piano d’azione aggressivo, in modo da contenerne la diffusione non appena venga rilevato un singolo caso nelle strutture sanitarie.

About the author

Nato a Maglie in Provincia di Lecce, laureato in Infermieristica presso l'Università degli Studi di Siena. Presta servizio inizialmente presso un poliambulatorio specialistico specializzandosi nella lettura di ECG. Diviene Istruttore di BLSD Adulto e Pediatrico dell'American Heart Association. Nel Marzo 2015 lavora come Staff Nurse in Chirurgia d'Urgenza, presso il Darlington Memorial Hospital a Darlington (United Kingdom). Nel Giugno 2017 ottiene il ruolo di Surgical Nurse Practitioner in Clinical Decision Unit dove si specializza nell'assessment del paziente chirurgico e il trattamento farmacologico. E' ideatore e fondatore di TheNursingPost.com. Ricopre le cariche di: -Presidente dell'Associazione Culturale "Ad Maiora" attiva nel campo della divulgazione scientifica -Supplente dei Revisori dei Conti del Collegio IPASVI di Lecce -Presidente dei Revisori dei Conti del Nucleo CIVES di Lecce

Related Post

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: