News Benessere e Salute
Melazzini (Aifa), infermieri possano prescrivere farmaci

ROMA – “Anche gli infermieri dovrebbero poter avere la possibilità di prescrivere farmaci e presidii sanitari”, possibilità che, “in molti paesi già esiste”. Auspica la nuova competenza Mario Melazzini, direttore dell’Aifa, nella conferenza dell’Ordine degli Infermieri. “Come vogliamo aprire alla prescrizione dei farmaci innovativi ai medici di famiglia, allo stesso modo vogliamo aprire alla prescrizione dei farmaci da parte degli infermieri, con modalità da approfondire. Per autorizzarli servirebbe però una modifica di legge”.

Tra ospedali e territorio, mancano 50mila infermieri
Stretti tra turni impossibili e età media sempre più alta, mancano all’appello almeno 50mila infermieri, di cui 20mila in ospedale e 30mila per rendere efficiente l’assistenza continua sul territorio. Ma questa carenza, che mette a rischio l’assistenza dei pazienti e che si va accentuando con il passar del tempo, potrebbe arrivare a 70mila unità entro 5 anni. A dipingere il quadro sono le stime emerse dal primo congresso della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (Fnopi). Negli anni il numero di infermieri alle dipendenze del Servizio sanitario nazionale è continuamente calato.

Dal 2009, anno dell’ultimo contratto e anno in cui sono iniziati i piani di rientro per le Regioni in deficit, si sono perse 12.031 unità di personale infermieristico, contro, ad esempio una diminuzione di 7.731 medici. In una situazione di aumento della domanda sanitaria, ma di stasi dell’occupazione, il maggior ricorso alle turnazioni rimane l’unica strada per assicurare il funzionamento delle organizzazioni.

Tra gli infermieri il lavoro di domenica è quasi la norma, lo fanno almeno il 68,3% di chi lavora in ospedale. Il maggior ricorso al lavoro serale e notturno si verifica nel Mezzogiorno, dove quasi tutte le Regioni sono in piano di rientro e quindi hanno il blocco totale del ricambio per gli organici: lavora di notte almeno una volta a settimana il 63,6% degli infermieri contro il 54,8% del Nord. Per di più chi è in servizio è sempre più vecchio: l’età media degli infermieri dipendenti del Ssn è di 50 anni e mezzo, con differenze marcatissime tra Regioni. Dove vige il blocco del turn over, come in Campania, l’età media di 53 anni, e regioni ‘modello come Lombardia Umbria ed Emilia Romagna dove non l’età media è di poco più di 49 anni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

About the author

Nato a Maglie in Provincia di Lecce, laureato in Infermieristica presso l'Università degli Studi di Siena. Presta servizio inizialmente presso un poliambulatorio specialistico specializzandosi nella lettura di ECG. Diviene Istruttore di BLSD Adulto e Pediatrico dell'American Heart Association. Nel Marzo 2015 lavora come Staff Nurse in Chirurgia d'Urgenza, presso il Darlington Memorial Hospital a Darlington (United Kingdom). Nel Giugno 2017 ottiene il ruolo di Surgical Nurse Practitioner in Clinical Decision Unit dove si specializza nell'assessment del paziente chirurgico e il trattamento farmacologico. E' ideatore e fondatore di TheNursingPost.com. Ricopre le cariche di: -Presidente dell'Associazione Culturale "Ad Maiora" attiva nel campo della divulgazione scientifica -Supplente dei Revisori dei Conti del Collegio IPASVI di Lecce -Presidente dei Revisori dei Conti del Nucleo CIVES di Lecce

Related Post

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: