Biblioteca
I tre decaloghi fondamentali per il diabete e il pre-diabete

Uno dei problemi più comuni della società moderna è il diabete. Questa patologia è divenuta una delle più comuni malattie del nostro secolo. A seconda del tipo che intendiamo trattare, esistono vari tipi di trattamento. Nella fattispecie, il diabete di tipo 2, oltre ad avere una predisposizione genetica, si basa per lo più sui comportamenti che assumiamo nella vita di tutti i giorni.

ECCO 3 DECALOGHI MESSI A PUNTO DA ‘DIABETE RICERCA ONLUS’

per la campagna ‘sfidiamo il diabete’

Decalogo per la prevenzione del diabete

1. Mantieni il tuo peso al livello ideale o poco superiore e se sei in eccesso di peso cerca di perderlo
2. Mangia una porzione abbondante di verdura ad ogni pasto e almeno due porzioni di frutta ogni giorno
3. Alterna i cereali integrali a quelli raffinati
4. Consuma con moderazione insaccati e formaggi
5. Mangia ogni tanto legumi al posto della carne e non dimenticare il pesce
6. Usa olio d’oliva, ma senza esagerare con la quantità
7. Limita i dolciumi a 1-2 volte alla settimana e bevi pochissime bibite zuccherate
8. Bevi senza timore il caffè ma limita il vino ad n paio di bicchieri al giorno, evitando i liquori
9. Non fumare e non fa fumare passivamente chi ti circonda
10. Fai almeno una passeggiata di 30 minuti ogni giorno e, se fai di più, tanto meglio

Decalogo per la diagnosi precoce del diabete
1. Se ti hanno trovato una glicemia compresa tra 100 e 125 mg/dl (‘prediabete’), misura la glicemia ogni 6-12 mesi
2. Se sei in sovrappeso oppure obeso, misura la glicemia una volta l’anno
3. Se hai un genitore o un fratello con diabete di tipo 2, comincia a misurare la glicemia una volta l’anno, dopo i 30 anni d’età
4. Se hai avuto il diabete gestazionale, misura la glicemia una volta l’anno
5. Se hai la pressione alta, misura a glicemia una volta l’anno
6. Se hai i trigliceridi alti e/o il colesterolo HDL (quello ‘buono’) basso, misura la glicemia una volta l’anno
7. Se hai l’acido urico alto, misura la glicemia una volta l’anno
8. Se hai più di 45 anni, misura la glicemia e se è del tutto normale ripetila entro i prossimi tre anni, a meno di non essere in una delle condizioni precedenti; altrimenti, ripetila una volta l’anno
9. Se hai molta sete e urini più del solito, misura subito la glicemia
10. Se hai spesso infezioni genitali o urinarie o della cute o molte carie, misura la glicemia
Decalogo salvavita per chi ha il diabete

1. Una volta scoperta la malattia, considera di doverla combattere con la stessa energia che metteresti se fosse un tumore. Per i tumori a volte non c’è cura, ma per il diabete la cura c’è
2. Anche se non senti alcun disturbo, la malattia esiste e va fronteggiata con molto impegno
3. Prendi sempre le medicine che ti sono state prescritte e non credere mai ai ciarlatani che propongono cure alternative. C’è chi è morto per aver creduto e sospeso l’insulina
4. Misura la glicemia a casa, come ti è stato insegnato, registra il valore e mostralo al medico
5. Fai attenzione all’alimentazione: non c’è nulla di assolutamente vietato ma mangia con intelligenza. Non accorciarti la vita per eccesso di cibo: è sciocco e assurdo
6. Cerca di essere quanto più attivo possibile, anche solo facendo una passeggiata al giorno
7. Presta la massima attenzione ai piedi: da piccoli problemi possono nascere grandi problemi
8. Non saltare mai gli esami del sangue: l’emoglobina glicata va fatta almeno due volte all’anno e alcuni altri esami (ad esempio colesterolo, creatinina, microalbuminuria) vanno fatti almeno una volta l’anno
9. Ricordati dei controlli periodici: visita oculistica, elettrocardiogramma, ecc. ogni 1-2 anni
10. Fatti curare sempre anche in un centro diabetologico: la malattia è molto complessa e deve essere gestita da esperti (medici, infermieri, dietisti, ecc) con le cure più moderne. Chi va al centro ha una mortalità ridotta del 20 per cento rispetto a chi non ci va.

About the author

Nato a Maglie in Provincia di Lecce, laureato in Infermieristica presso l'Università degli Studi di Siena. Presta servizio inizialmente presso un poliambulatorio specialistico per poi divenire Istruttore di BLSD Adulto e Pediatrico dell'American Heart Association. Attualmente lavora come Staff Nurse in Chirurgia, presso il Darlington Memorial Hospital a Darlington (United Kingdom). E' ideatore e fondatore di TheNursingPost.com. Ricopre le cariche di: -Presidente dell'Associazione Culturale "Ad Maiora" attiva nel campo della divulgazione scientifica -Revisore dei Conti del Collegio IPASVI di Lecce -Presidente dei Revisori dei Conti del Nucleo CIVES di Lecce

Related Post

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

The Nursing Post

webmaster@thenursingpost.com

Ideato, creato e gestito da mircopila

Desclaimer TNP
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. info@thenursingpost.com