News Attualità
Infermieri creduloni, un fenomeno peggiore delle fake news

Le Fake News sono dovunque, che tu sia su Google o su Facebook, la possibilità di imbatterti in notizie di dubbia veridicità è ormai divenuta alta. Il motivo? like, click e condivisioni. Abbiamo sempre criticato i nostri “colleghi” per il largo uso di clickbaiting (tradotto “Esca da click”) che si riferisce ad un contenuto web il cui scopo è quello di attirare il maggior numero d’internauti, avendo come scopo principale quello di aumentare le visite a un sito per generare rendite pubblicitarie online. In questo articolo però vi vogliamo raccontare di quegli infermieri che sui social condividono una quantità inaudita di news spazzatura.

Vi è mai capitato di scorrere la vostra Home di Facebook ed imbattervi in notizie evidentemente false riguardanti salute e benessere e meravigliarvi che chi l’ha condivisa è un vostro collega infermiere? Sebbene sporadica, questa situazione a nostro dire risulta preoccupante, imbarazzante e pericolosa.

“PREOCCUPANTE..”

La nostra preoccupazione deriva dalla facilità con cui un professionista della salute dia per vera una notizia trovata nella interete. Nonostante esami di Metodologia della Ricerca e anni di insegnamento di pensiero clinico, questi professionisti non si preoccupano di diffondere news che hanno ben poco di clinico o medico. Queste news sono scritte dalla mente malata di un blogger farlocco che decide di guadagnarsi il pane vendendo menzogne al popolo. Ma per quanto si possa giustificare un non esperto in materia, rimane da condannare un professionista che si spererebbe basi il proprio operato sulla clinica. La nostra preoccupazione va all’ambito ospedaliero e simili. Speriamo sinceramente che si comportino ed operino in modo differente da come fanno trasparire invece sui social network.

“..IMBARAZZANTE E…”

Come non ci si può imbarazzare di fronte ad un professionista che dovrebbe essere una guida, un consigliere nel campo dell’assistenza e che invece scrive che “I PEPERONI SONO MEGLIO DELLA CHEMIO”. 
Professionalmente c’è poco da dire, ogni volta che un infermiere condivide una notizia falsa in campo di salute e sanità, c’è ne sono tanti altri che soffrono. Da quando entri nel mondo infermieristico e effettui la tua registrazione al collegio, sei parte di una nuova entità, di una “associazione” di professionisti e come tale dovresti abbracciare quel codice deontologico cosi imperfetto quanto necessario:

Articolo 9
L’infermiere, nell’agire professionale, si impegna ad operare con prudenza al fine di non nuocere.

Una notizia che inneggia ad abbandonare la chemioterapia sostituendola con una dieta di ortaggi,  va in contrasto con l’Articolo 9. Perchè a nostro dire, ciò che condividi con leggerezza, può nuocere alla salute di qualcuno

Articolo 11
L’infermiere fonda il proprio operato su conoscenze validate e aggiorna saperi e competenze attraverso la formazione permanente, la riflessione critica sull’esperienza e la ricerca. Progetta, svolge e partecipa ad attività di formazione. Promuove, attiva e partecipa alla ricerca e cura la diffusione dei risultati.

Un infermiere fonda il proprio operato su conoscenza VALIDATE e procede ad aggiornarsi e aumentare le proprie competenze e conoscenze attraverso attività di formazione. E vi garantiamo, che nessuno, in sede congressuale, ha parlato di abbandonare la medicina tradizionale per una cura fondata su una dieta a base di ortaggi.

Articolo 19
L’infermiere promuove stili di vita sani, la diffusione del valore della cultura della salute e della tutela ambientale, anche attraverso l’informazione e l’educazione. A tal fine attiva e sostiene la rete di rapporti tra servizi e operatori.

L’infermiere promuove la diffusione della cultura della salute. Ovviamente quando parliamo di diffusione di cultura, si parla di conoscenze validate.

“..PERICOLOSA”

Condividendo con leggerezza quelle Fake News, non solo inondi il web di notizie false, ma diventi parte di quel sistema di guadagno che mette a rischio la salute dei nostri pazienti. Scrivere che un vaccino è inutile, che la chemioterapia o la radioterapia non funziona, oltre che falso, è PERICOLOSO. Da infermiere le persone si affidano a te e alla tua conoscenza. Sconsigliare un vaccino o di intraprendere le cure tradizionali per favorirne quelle alternative è sconsiderato ed incredibilmente rischioso.

ti ricordiamo dunque l’Articolo 9 del Codice Deontologico:

L’infermiere, nell’agire professionale, si impegna ad operare con prudenza al fine di non nuocere.

 

Per finire, ci scusiamo per aver usato toni accusatori, ma crediamo che questo, sia un tema importante da affrontare e su cui discutere. Difendiamo la nostra professione, ma sopratutto difendiamo i nostri pazienti!

About the author

Nato a Maglie in Provincia di Lecce, laureato in Infermieristica presso l'Università degli Studi di Siena. Presta servizio inizialmente presso un poliambulatorio specialistico specializzandosi nella lettura di ECG. Diviene Istruttore di BLSD Adulto e Pediatrico dell'American Heart Association. Nel Marzo 2015 lavora come Staff Nurse in Chirurgia d'Urgenza, presso il Darlington Memorial Hospital a Darlington (United Kingdom). Nel Giugno 2017 ottiene il ruolo di Surgical Nurse Practitioner in Clinical Decision Unit dove si specializza nell'assessment del paziente chirurgico e il trattamento farmacologico. E' ideatore e fondatore di TheNursingPost.com. Ricopre le cariche di: -Presidente dell'Associazione Culturale "Ad Maiora" attiva nel campo della divulgazione scientifica -Supplente dei Revisori dei Conti del Collegio IPASVI di Lecce -Presidente dei Revisori dei Conti del Nucleo CIVES di Lecce

Related Post

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

The Nursing Post

webmaster@thenursingpost.com

Ideato, creato e gestito da mircopila

Desclaimer TNP
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. info@thenursingpost.com