News Attualità
LA SHABOO: La droga sintetica che sta conquistando l’Italia

La shaboo, chiamata anche “ice” e “crystal meth” è una droga sintetica appartenente alla famiglia delle metanfetamine che sta prendendo piede sempre più in Italia. Gli ultimi arresti avvenuti a Milano dimostrano che questa droga, nonostante sia poco conosciuta per l’opinione pubblica ha già un mercato e dei consumatori.

La dottoressa Simona Pichini, farmacologa del Dipartimento Farmaco dell’Istituto superiore di Sanità ha dichiarato ad Humanis Salute:

«È metanfetamina: una sostanza d’abuso particolarmente additiva e pericolosa, consumata soprattutto nel Middle West degli Stati Uniti e nell’Est Asiatico. È ormai arrivata anche in Italia ma con percentuali di consumo nettamente inferiori a quelle di cannabis e cocaina che restano le sostanze stupefacenti più consumate. Si presenta sotto forma di cristalli bianchi da riscaldare e inalare o sniffare. Le metodologie di assunzione sono simili alla cocaina ma le dosi costano di meno, negli Stati Uniti anche un dollaro a dose. È molto additiva, crea forte dipendenza».

I numerosi arresti e i sequestri a Milano negli ultimi mesi hanno sollevato nuovamente il velo sul consumo in Italia di “shaboo”. Come riferisce il Corriere della Sera da inizio anno sono 18 le persone arrestate nel capoluogo lombardo e oltre 180 i grammi di questa metanfetamina sequestrati dalle forze dell’ordine nelle operazioni antispaccio.

Le persone arrestate provengono dalle comunità filippine e cinesi, molto numerose e ormai radicate nel tessuto sociale di Milano. Lo shaboo è un tipo di droga che caratterizza il consumo di sostanze stupefacenti di queste comunità, meritandosi così l’appellativo di “droga etnica”. Ma questa metanfetamina è ormai entrata nel cuore della movida milanese. Il Corriere racconta infatti di scene di spaccio e arresti nei pressi delle Colonne di San Lorenzo, uno dei luoghi simboli del divertimento meneghino.

Come agisce lo shaboo e quali danni provoca all’organismo?

La Dottoressa Pichini sempre a Humanitas Salute ha descritto i danni provocati da questa droga:

«Trattandosi di una sostanzapsicoattiva, agisce sui recettori dopaminergici del sistema nervoso centrale, gli stessi su cui agisce la cocaina. Non ha azione diretta ma indiretta liberando la dopamina, un neurotrasmettitore, in grandi quantità e bloccandone il riassorbimento. La sua assunzione provoca quindi una forte scarica del neurotrasmettitore. Ha effetti euforizzanti e psicostimolanti, ancora una volta simili alla cocaina. Ha una serie di gravi effetti collaterali: agisce sul sistema cardiovascolare, provoca ansia, allucinazioni, psicosi e disturbi della personalità. Provoca anche danni permanenti a livello cerebrale difficili da recuperare. È un tipo di droga che può disinibire fenomeni psicotici in persone che già di per sé hanno delle patologie psichiche. Queste persone possono manifestare reazioni come psicosi e tentativi di suicidio che sarebbero inibite in caso di mancata assunzione di questa sostanza»

Di seguito un Video di un servizio di Toxicity offerto da fanpage.it

About the author

Nato a Maglie in Provincia di Lecce, laureato in Infermieristica presso l'Università degli Studi di Siena. Presta servizio inizialmente presso un poliambulatorio specialistico specializzandosi nella lettura di ECG. Diviene Istruttore di BLSD Adulto e Pediatrico dell'American Heart Association. Nel Marzo 2015 lavora come Staff Nurse in Chirurgia d'Urgenza, presso il Darlington Memorial Hospital a Darlington (United Kingdom). Nel Giugno 2017 ottiene il ruolo di Surgical Nurse Practitioner in Clinical Decision Unit dove si specializza nell'assessment del paziente chirurgico e il trattamento farmacologico. E' ideatore e fondatore di TheNursingPost.com. Ricopre le cariche di: -Presidente dell'Associazione Culturale "Ad Maiora" attiva nel campo della divulgazione scientifica -Supplente dei Revisori dei Conti del Collegio IPASVI di Lecce -Presidente dei Revisori dei Conti del Nucleo CIVES di Lecce

Related Post

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: