CANNABIS: Rossi, In Italia esiste una liberalizzazione di fatto

Carla Rossi, professoressa di statistica medica presso l’Università degli studi di Roma ‘Tor Vergata’ nel corso dell’audizione in Commissioni riunite Giustizia e Affari sociali di Montecitorio, in proposito di Cannabis, ha affermato che in Italia esiste una liberalizzazione di fatto, considerano la semplicità e l’accessibilità del mercato nero italiano.

“Comparando i dati italiani con quelli di altri paesi si nota che più le leggi sono restrittive più la cannabis viene utilizzata”, prosegue Rossi. “Sostanzialmente – aggiunge – il mercato illegale, come dimostrano i costi costanti, non è stato stoppato e chi ne fa uso non ci mette piu’ di mezza giornata a procurarla. Solo il 5% del traffico illegale viene fermato”.

Inoltre, Rossi ha sottolineato che la tossicità è nettamente inferiore di sigarette ed alcoolici, droghe ormai legalizzate e tassate.

“Prosciugamento del mercato illegale, guadagno di salute e risparmio di soldi, questo quello che si potrebbe ottenere da una liberalizzazione del consumo della cannabis”, se fatto all’insegna di “attenzione, controllo e rigore”, ha spiegato Leopoldo Grosso, presidente onorario del Gruppo Abele. “Una liberalizzazione avrebbe diversi vantaggi per la salute, come la conoscenza di ciò che si consuma, maggior controllo sugli effetti collaterali, maggior possibilità di rintracciare il consumo problematico e maggior collegamento con i servizi sociali”. Quanto ai proventi “non facciamoci illusioni, possiamo solo sperare in un recupero di quanto speso dalla precedente esperienza proibizionistica”. I farmaci a base di cannabinoidi “ad oggi sono importati dall’Olanda, a costi elevati e in tempi tutt’altro che brevi per i malati che soffrono”, ha ricordato il Maggiore Giocondo Santoni, Direttore da 2004 a 2014 dello Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze, dove viene prodotta cannabis ad uso terapeutico, ma ad oggi inutilizzata.

 

Mirco Montinari

Nato a Maglie in Provincia di Lecce, laureato in Infermieristica presso l'Università degli Studi di Siena. Presta servizio inizialmente presso un poliambulatorio specialistico specializzandosi nella lettura di ECG. Diviene Istruttore di BLSD Adulto e Pediatrico dell'American Heart Association. Nel Marzo 2015 lavora come Staff Nurse in Chirurgia d'Urgenza, presso il Darlington Memorial Hospital a Darlington (United Kingdom). Nel Giugno 2017 ottiene il ruolo di Surgical Nurse Practitioner in Clinical Decision Unit dove si specializza nell'assessment del paziente chirurgico e il trattamento farmacologico. E' ideatore e fondatore di TheNursingPost.com. Ricopre le cariche di: -Presidente dell'Associazione Culturale "Ad Maiora" attiva nel campo della divulgazione scientifica -Supplente dei Revisori dei Conti del Collegio IPASVI di Lecce -Presidente dei Revisori dei Conti del Nucleo CIVES di Lecce

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

ZENZERO: Prima scelta in caso di nausea in gravidanza

Gio Giu 23 , 2016
Il Royal College of Obstetricians and Gynaecologists, organizzazione professionale che opera nell’ambito dell’ostetricia e della ginecologia, ha pubblicato i risultati di alcune ricerche che sottolineano l’importanza dello zenzero per il trattamento della nausea. Lo zenzero, usato come un antiemetico in gravidanza, sembra prendere importanza, collocandosi come rimedio in prima linea. […]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: