Biblioteca
LA STORIA DELL’INFERMIERE

La professione Infermieristica non può vantare una storia idilliaca, ma al contrario, una storia di lotte e difficoltà. L’utilità sociale e i diritti acquisiti nel corso degli anni la rendono una tra le più importanti professioni esistenti.

ANTICHITA’

In antichità l’assistenza era affidata alle madri e alle mogli che si occupavano dei propri mariti e dei propri figli, garantendo un assistenza continua. Ma questo genere di assistenza ancora era troppo lontana dalla nostra realtà per essere definita infermieristica.

NEL MEDIOEVO

I primi accenni di assistenza organizzata (simile a quella erogata dai primi infermieri) la possiamo vedere nel medioevo. Nonostante le difficoltà sociali, che malvedevano il contatto con i corpi (prerogativa delle donne sposate e delle prostitute) il tutto iniziò ad essere affidato agli ordini monastici e religiosi che fino all’età moderna continuarono a dispensare assistenza. Uno degli esempi più importanti in Italia è Santa Caterina da Siena, che metteva in pericolo la propria vita per assistere i malati di Peste. In questo periodo l’assistenza viene considerata più una vocazione che una professione, cosa che rimarrà tale fino al 700.

NEL 700

Negli Stati Uniti, le rivoluzioni e le epidemie, resero l’assistenza Infermieristica (ancora non propriamente definita) molto importante, tanto che iniziò ad essere inclusa anche negli ospedali dell’epoca.  La necessità di aumentare l’igiene e gli standard di vita, resero la figura dell’infermiere molto ricercata, ma le condizioni lavorative misere portarono ad una perdita dello Status Sociale.

NEL 800

Nell’800, il cambiamento sociale, che porto gli artigiani ed i contadini a trasferirsi per lavorare nelle prime industrie, portarono le città al sovraffolamento. Le scarsissime condizioni igieniche presenti nelle case degli operai, che solitamente lavoravano fino allo stremo (anche più di 12 ore al giorno), portarono le città ad affrontare le prime epidemie di colera. Questa nuova emergenza sanitaria richiese un maggior numero di “infermieri” che lavorassero per la comunità.

In questo periodo si inizia a vedere la figura di Florence Nightingale, appartenente ad una famiglia inglese ricchissima e che, grazie agli insegnamenti del padre, ottenne un’istruzione completa con un elevato risultato culturale.

Nacque il 12 maggio del 1820 in Italia, a Firenze. Intraprese la professione infermieristica contro i desideri della famiglia.

Nel 1854 l’Inghilterra entra in guerra con una spedizione nel Mar Nero, in Crimea, con i francesi, in aiuto alla Turchia contro la Russia. La campagna militare inglese fu positiva ma incombe un grosso problema: i feriti e i malati della guerra morivano per mancanza di assistenza. Il ministro della guerra inglese Herbert inviò la Florence Nightingale in Crimea con un gruppo di infermiere in qualità di sovraintendente del corpo delle infermiere degli ospedali inglesi in Turchia con il compito di organizzare la sfera assistenziale. Le principali cause di morte erano dovute alle epidemie di colera e di tifo, alla gangrena e alla dissenteria, ma non strettamente correlate alle ferite di guerra. Florence Nightingale attuò una serie di provvedimenti quali:

  • Pulizia degli ambienti;
  • Camicie, lenzuola e biancheria;
  • Lavanderia con una caldaia per bollire tutta la biancheria;
  • Cucina per diete speciali;
  • Stanze per l’alloggio delle infermiere.

florenceIn soli 6 mesi Florence Nightingale portò la mortalità dal al 42% al 2%.

Un risultato del genere iniziò a modificare l’idea dell’infermiere e dell’importanza dell’assistenza infermieristica, iniziando ad essere definito come:

“simbolo di forza, misericordia, padronanza di sé di fronte al dolore, altruismo e solidarietà.”

Nel 1860 pubblicò il libro “Notes on Nursing” e fondò la “Nightingale Training School for Nurses”. La scuola viene basata su due fondamentali principi quali:

  1. L’internato obbligatorio delle allieve nella “casa dell’infermiera” -> l’intento della Nightingale è di formare il carattere dell’infermiera secondo criteri morali estremamente rigidi.
  2. La formazione infermieristica basata sul sapere, l’istruzione e la conoscenza -> lezioni teoriche giornaliere vengono impartite da medici, infermieri e capo reparto e le allieve sono sottoposte ad esami e verifiche. L’istruzione secondo Nightingale non prevede alcuna interferenza nell’ambito medico, senza la sovrapposizione di attribuzioni, ma piuttosto le figure di infermiera e medico si sostengono a vicenda per il bene del malato.

In Italia la figura dell’Infermiere continua ad essere prerogativa degli ordini monastici, fino al 1853 a Napoli dove viene fondata una prima scuola per infermieri. Nonostante tutto, continua tutto ad essere in mano agli ordini religiosi che continuano a dare assistenza, anche a domicilio.

NEL 900

Nel 900 inizia il riordino e la crescita professionale. Le teorie della Nightingale e la formazione sempre crescente, determina una massiccia evoluzione della figura infermieristica che grazie alla sua rapida ascesa si prefigge mete sempre più ambiziose.

La prima rivista infermieristica risale al 1900, ovvero l’American Journal of Nursing (AJN), gestita e pubblicata unicamente da infermieri.Nel 1909 apre la prima scuola universitaria di assistenza infermieristica in Minnesota.

Nel 1919 la Rockfeller Foundation fonda la Committee for the Study of Nursing Education per analizzare la formazione infermieristica negli Stati Uniti. La sociologa Josephine Goldmark venne messa a capo della commissione composta inoltre da Annie W. Goodrich, M. Adelaide Nutting, and Lillian Wald. Nel 1922 si giunge alla pubblicazione di un rapporto noto come Goldmark Report, nel quale si evidenziò che la qualità dei programmi di formazione erano inadeguati, e si raccomandava inoltre di:

  • separare la dirigenza delle scuole infermieristiche dalla dirigenza ospedaliera
  • la settimana di studio/lavoro degli studenti non doveva superare le 48 ore
  • obiettivo dei programmi di tirocinio doveva essere la formazione e non la copertura del servizio
  • ridurre la frequenza a 28 mesi
  • puntare alla formazione universitaria dei futuri insegnanti

Inoltre, in funzione di quanto scaturito dal rapporto, la Fondazione Rockefeller finanziò un modello sperimentale di formazione infermieristica che divenne in seguito la Yale School of Nursing, ovvero la prima scuola autonoma di infermieristica con un proprio preside, docenti, bilancio, e lauree conformi alle norme universitarie. Considerato un punto fondamentale nella storia dell’educazione infermieristica, i risultati di questo rapporto facilitarono il passaggio dalle scuole infermieristiche ospedaliere all’università negli Stati Uniti.

Nel 1965 il rapporto “Lysaught Report” della National Commission on Nursing and Nursing Education, analizzò numerosi problemi infermieristici fra cui: “il chiarimento dei ruoli e delle funzioni infermieristiche, l’educazione infermieristica e le opportunità di carriera per gli infermieri.”

In Italia

Nel periodo fascista si ebbe la prima vera regolamentazione della formazione infermieristica che naturalmente era riservata alle sole donne. Nel 1925 si aprono le scuole-convitto per infermiere (regio decreto-legge 15 agosto 1925, n. 1832). Le scuole erano poste sotto il controllo dello Stato e svolgevano corsi biennali che davano il diploma per l’esercizio della professione di infermiera.
Dopo la fine della seconda guerra mondiale, con la nascita della repubblica, si modifica lentamente la figura infermieristica e precisamente negli anni 50 si formano CNAIOSS, la ACOS, la FIROS con l’obiettivo della crescita professionale.
Con la legge 1049 del 1954 si ha la nascita del Collegio delle Infermiere, quello che ora chiamiamo IPASVI e raccoglie in questa federazione, oltre agli infermieri professionali anche le vigilatrici d’infanzia e gli assistenti sanitari.
Nel 1971 con la legge n° 124 si aprono le porte dell’infermieristica anche agli Uomini. Inoltre occorre avere l’ammissione al terzo anno di scuola superiore per accedere al corso di infermieristica.
Con il DPR N° 225 del 1974 che si ha la modifica sostanziale delle mansioni infermieristiche, con la formazione del famoso Mansionario.
Nel 1994, quando con il decreto N° 739 viene definito il profilo professionale dell’infermiere.
Si definisce il profilo dell’infermiere come:  “responsabile dell’assistenza generale infermieristica e le cui attribuzioni principali sono la cura, la riabilitazione la prevenzione e l’educazione sanitaria”
Nel 1999 venne eliminato il mansionario per mezzo della legge N° 42, una grande conquista per la professione
Fonti:
http://www.infermieristicamente.it/articolo/1866/storia-infermieristica-dall-inizio-del-1900-all-abolizione-del-mansionario/
 http://infermierando.blogspot.it/search/label/storia%20infermieristica
Edoardo Manzoni, Storia e filosofia dell’assistenza infermieristica, Milano, Masson, 2005.Ruth Craven e Constance Hirnle, Principi fondamentali dell’assistenza infermieristica, vol. 1, Milano, Casa Editrice Ambrosiana, 2007.

Nicole Bizier, Dal pensiero al gesto, Milano, Srobona, 1993.

Lillian Sholtis Brunner, Doris Smith Suddarth e Suzanne C. OʼConnell Smeltzer, Infermieristica medico-chirurgica, vol. 1, Milano, Casa Editrice Ambrosiana, 2010.

About the author

Nato a Maglie in Provincia di Lecce, laureato in Infermieristica presso l'Università degli Studi di Siena. Presta servizio inizialmente presso un poliambulatorio specialistico specializzandosi nella lettura di ECG. Diviene Istruttore di BLSD Adulto e Pediatrico dell'American Heart Association. Nel Marzo 2015 lavora come Staff Nurse in Chirurgia d'Urgenza, presso il Darlington Memorial Hospital a Darlington (United Kingdom). Nel Giugno 2017 ottiene il ruolo di Surgical Nurse Practitioner in Clinical Decision Unit dove si specializza nell'assessment del paziente chirurgico e il trattamento farmacologico. E' ideatore e fondatore di TheNursingPost.com. Ricopre le cariche di: -Presidente dell'Associazione Culturale "Ad Maiora" attiva nel campo della divulgazione scientifica -Supplente dei Revisori dei Conti del Collegio IPASVI di Lecce -Presidente dei Revisori dei Conti del Nucleo CIVES di Lecce

Related Post

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: