Biblioteca
CALO DELLE VACCINAZIONI: La disinformazione che uccide!

Noi di The Nursing Post siamo sempre stati dalla parte delle vaccinazioni, un pò per il nostro carattere meramente scientifico, che ci allontana da tutto ciò che sembra essere associato a magia e superstizione; un pò per l’ovvietà dei dati disponibili.

Molte malattie “dimenticate” faranno capolino tra qualche anno e questo è ormai certo.

Secondo i dati sono scese al di sotto del 95% le vaccinazioni per poliomielite, tetano, difterite ed epatite B e la percentuale scende ulteriormente per le vaccinazioni contro il morbillo, la parotite e la rosolia che raggiunge una copertura dell’86%, in calo di oltre il 4% in appena un anno. Le conseguenze, sottolinea Ricciardi, sono per tutta la collettività. «Se non si ha più la cosiddetta `immunità di gregge´ – ricorda l’esperto – aumenta il rischio che bambini non vaccinati si ammalino, che si verifichino epidemie importanti, che malattie per anni cancellate non siano riconosciute e trattate in tempo».

Salgono le morti evitabili. “Il calo delle coperture vaccinali – spiega Alberto Villani, a capo della Pediatria generale e malattie infettive dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma – è responsabile dei numerosi casi di morbillo e della presenza di malattie che potevano già essere debellate, come ad esempio la pertosse, causa del decesso di alcuni lattanti recentemente. Il fenomeno – aggiunge – è in gran parte dovuto a una cattiva informazione. Molte famiglie si collegano al web, senza verificare la qualità dell’informazione. Non seguono le indicazioni del ministero della Salute e non chiedono consigli a persone competenti. Così tanti bambini non vengono sottoposti ai richiami vaccinali, a 6 o a 12 anni, e si ammalano a volte contagiati da un adulto”.

L Italia dal 2000 ad adesso ha ridotto drasticamente il numero di vaccinazioni avvicinandoci sempre più ai valori dei paesi dell’Est.

Ma perchè accade tutto questo?

Il motivo sono le centinaia di blog e siti di disinformazione che mascherati da paladini attivi “contro la casta farmaceutica” scoraggiano una delle usanze mediche più sicure e necessarie.

Le vaccinazioni hanno dei rischi ma nulla in confronto a contrarre la malattia stessa!

Facciamo un esempio:

IL VAIOLO

Il vaiolo, malattia ormai eradicata (proprio grazie all’uso dei vaccini), ha una mortalità media del 30%.

Il rischio di contrarre il vaiolo se si è vaccinati invece si aggira intorno al 5% (a seconda del tempo passato dalla vaccinazione 1.3% se negli ultimi 10 anni, >7% se dopo i 10 anni, >11% se dopo i 20 anni). Bisogna poi ricordare che solo il 30% di questo 5% morirebbe.

Il rischio causato dal vaccino stesso (allergie o altro) è dello 0.1%, effetti però non mortali. Gli effetti mortali sono di 1 su MILIONE.

Alcuni potrebbero dire che con gli attuai farmaci potremmo contrastare una possibile nuova epidemia. Su questo bisogna sottolineare che come in passato è stato dimostrato e poi affermato da Epicentro

Siccome il vaiolo è causato da un virus, il trattamento con antibiotici non è efficace. Non esiste un trattamento specifico e l’unico modo di prevenirlo è la vaccinazione. […]

 

Questo esempio può essere fatto su tutti i vaccini. Le percentuali si avvicinano o si allontanano da queste a seconda della tipologia di vaccino e virus. In quasi la totalità dei casi la vaccinazione però resta il modo migliore per contrastare la malattia. Nelle vaccinazioni per le influenze stagionali è meglio chiedere informazioni al vostro medico curante. Dai dati raccolti tali vaccinazioni sembrano molto importanti quando si parla di pazienti debilitati da malattie croniche o di pazienti fragili (bambini ed anziani). Se fate parte della restante popolazione è una vostra scelta personale decidere se ridurre i rischi di contrarre l’influenza correndone però degli altri (seppur in minima parte).

 

 

About the author

Nato a Maglie in Provincia di Lecce, laureato in Infermieristica presso l'Università degli Studi di Siena. Presta servizio inizialmente presso un poliambulatorio specialistico per poi divenire Istruttore di BLSD Adulto e Pediatrico dell'American Heart Association. Attualmente lavora come Staff Nurse in Chirurgia, presso il Darlington Memorial Hospital a Darlington (United Kingdom). E' ideatore e fondatore di TheNursingPost.com. Ricopre le cariche di: -Presidente dell'Associazione Culturale "Ad Maiora" attiva nel campo della divulgazione scientifica -Revisore dei Conti del Collegio IPASVI di Lecce -Presidente dei Revisori dei Conti del Nucleo CIVES di Lecce

Related Post

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

The Nursing Post

webmaster@thenursingpost.com

Ideato, creato e gestito da mircopila

Desclaimer TNP
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. info@thenursingpost.com