Il "See and Treat" non si tocca!

Il Collegio Ipasvi di Roma replica all’attacco dell’Ordine dei Medici riguardo l’iniziativa dell’Asl Rm/c di valorizzare le competenze infermieristiche per ridurre i tempi di attesa e aumentare la qualità del servizio.

“In un momento come questo, in cui tutti siamo chiamati a collaborare per cambiare un sistema che non funziona, la presa di posizione dell’Ordine dei medici sul See and treat è decisamente antistorica. Siamo preoccupati”.

pulimeno_newParla la presidente del Collegio Ipasvi di Roma Ausilia Pulimeno che respinge al mittente l’attacco lanciato dal presidente dell’Ordine dei medici della Capitale Roberto Lala contro l’iniziativa della Asl Rm/C per ridurre le code nei Pronto soccorso valorizzando le competenze degli infermieri.

Questi scontri tra Collegio ed Ordine non sono certo nuovi nel Lazio. Dopo le proposte regionali dei reparti di degenza a totale conduzione infermieristica e delle case di cura dello stesso tipo, ora l’ordine tenta di bloccare il progetto SEE AND TREAT già attivo in altre regioni. La presidente Pulimeno continua in modo pacato ma diretto:

“Difendere ad ogni costo certe rendite di posizione è sbagliato e nuoce alla causa della buona sanità – sottolinea la presidente Pulimeno – Il See and treat è un modello ampiamente sperimentato, dal 2010 in molte Asl della Toscana e da quasi 40 anni in Gran Bretagna e Stati Uniti. Ha dato ottimi risultati fornendo una risposta efficace ai bisogni dei cittadini, garantendo una maggiore rapidità dell’intervento, la sua sicurezza e un minor costo per le aziende sanitarie. I medici non abbiano paura di perdere potere e siano più collaborativi nel processo di cambiamento di cui la nostra sanità ha un gran bisogno”.

 

Fonte: IPASVI Fed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: