Biblioteca
IPERGLICEMIA: Come riconoscerla e cosa fare

L’iperglicemia è una condizione che si presenta con un eccesso di glucosio nel sangue. Saper riconoscere i sintomi dell’ipeglicemia è molto importante, infatti un eccesso di Glucosio nel sangue, può portare a danni a varie strutture corporee quali: occhi, reni, cuore, i vasi sanguigni e i nervi periferici. Solo in casi estremi può portare a coma diabetico e morte.

I DISTURBI dell’iperglicemia si accusano tendenzialmente quando i valori persistono intorno a 250mg/dl (ATTENZIONE SUPERATI 126MG/DL A DIGIUNO SI PARLA GIA’ DI IPERGLICEMIA). In questa situazione lo zucchero verrà perso con le urine (si parlera di GLICOsuria) determinando però anche un eccessiva eliminazione di liquidi (POLIuria). Tutto questo ovviamente porterà l’organismo a richiedere più acqua e quindi seguirà la comparsa di sete (POLIdipsia). Questa condizione di mancanza di insulina porterà i tessuti a non riuscire ad utilizzare lo zucchero che, sebbene sia accumulato nel sangue, non può essere processato. Di conseguenza ne verrà che l’organismo processerà i grassi producendo sostanze di rifiuto, ovvero i chetoni. Questi ultimi li ritroveremo nelle urine (CHETONuria) e succesivamente anche nell’apparato respiratorio (odore di acetone nel fiato).

Quali sono i segni dell’iperglicemia?

Ecco quindi i segnali dell’iperglicemia (in ordine di crescente di gravità):

  • Sete intensa
  • Stanchezza
  • Aumento frequenza minzione e quantità urine
  • Disturbi della vista
  • Crampi
  • Odore di acetone nell’alito (assente nella sindrome iperglicemia iperosmolare)
  • Nausea vomito
  • Alterazioni neurologiche fino al coma

Ma quali sono le cause più frequenti?

Le cause più frequenti di iperglicemia grave sono:

  • Errori alimentari (scorretta distribuzione dei carboidrati e il non rispetto degli orari)
  • Ridotta disponibilità d’insulina (insulina alterata, problemi del microinfusore)
  • Sospensione o ridotto dosaggio d’insulina e ipoglicemizzanti orali
  • Forti stress emotivi
  • Qualsiasi malattia intercorrente può portare a scompenso glicemico:
    • Influenza o altre malattie virali
    • Interventi chirurgici
    • Infezioni anche locali

 Come bisogna comportarsi in caso di Iperlicemia?

  • Controllare ogni 2-3 ore la glicemia,
  • Non sospendere mai la terapia di base (insulina o ipoglicemizzanti)
  • Fare adeguate dosi correttive di insulina (considerando che più la glicemia è alta più l’organismo diventa resistente alla stessa e quindi può essere necessario ridurre il fattore di correzione – Consigliamo di chiamare il Medico di Base, in quanto ogni soggetto è diverso da un altro)
  • Bere molta acqua
  • Se la situazione perdura (ad esempio durante l’influenza) bisogna comunque alimentarsi assumendo del cibo contenente zucchero con adeguate dosi di insulina rapida in accordo con il proprio Medico. (Modificare da soli il proprio piano terapeutico non è mai una buona idea; I medici di base esistono per questo motivo)
  • Cercare la possibile causa dell’iperglicemia

 

 Se non si riesce a correggere la situazione e se i chetoni non si riducono o la nausea vomito impediscono di alimentarsi e/o bere è necessario contattare il proprio Diabetologo o Medico Curante o il Pronto Soccorso.

Bisogna stare attenti dunque a non far persistere questa situazione. La glicemia deve essere abbassata nelle prime ore e bisogna stare attenti a possibili sintomi che possono manifestare una grave situazione iperglicemica. Raccomandiamo di non sottovalutare queste situazioni.

About the author

Nato a Maglie in Provincia di Lecce, laureato in Infermieristica presso l'Università degli Studi di Siena. Presta servizio inizialmente presso un poliambulatorio specialistico per poi divenire Istruttore di BLSD Adulto e Pediatrico dell'American Heart Association. Attualmente lavora come Staff Nurse in Chirurgia, presso il Darlington Memorial Hospital a Darlington (United Kingdom). E' ideatore e fondatore di TheNursingPost.com. Ricopre le cariche di: -Presidente dell'Associazione Culturale "Ad Maiora" attiva nel campo della divulgazione scientifica -Revisore dei Conti del Collegio IPASVI di Lecce -Presidente dei Revisori dei Conti del Nucleo CIVES di Lecce

Related Post

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

The Nursing Post

webmaster@thenursingpost.com

Ideato, creato e gestito da mircopila

Desclaimer TNP
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. info@thenursingpost.com