Biblioteca
INSUFFICIENZA CARDIACA: Tutto ciò che c’è da sapere

Cos’è lo Scompenso Cardiaco Congestizio o Insufficienza Cardiaca?

L’insufficienza cardiaca, o scompenso cardiaco congestizio, è una condizione o un gruppo di sintomi correlati all’incapacità del cuore di pompare quantità di sangue sufficienti per far fronte alle necessità dell’organismo.

Cause

cardiomegalia-cuore_ingrossatoL’insufficienza cardiaca si sviluppa in genere in seguito a una lesione cardiaca, ad esempio in conseguenza di un infarto del miocardio, di un’eccessiva sollecitazione cardiaca dovuta a un’ipertensione (pressione alta) non trattata per diversi anni o in conseguenza di una disfunzione valvolare.

Le cause più frequenti di insufficienza cardiaca includono:

  • coronaropatie
  • un precedente attacco di cuore (infarto del miocardio)
  • pressione sanguigna alta (ipertensione)
  • disfunzioni delle valvole cardiache
  • cardiopatie congenite (difetti presenti alla nascita)
  • cardiomiopatia (ingrossamento del cuore)
  • endocardite
  • miocardite (infezione del miocardio)
  • diabete

Sintomi

I sintomi dell’insufficienza cardiaca non sono sempre chiari. Alcuni soggetti, negli stadi più precoci, possono addirittura non manifestare alcun sintomo, mentre altri possono non dare peso a disturbi come l’affaticamento o la sensazione di “fame d’aria” interpretandoli come normali segni dell’invecchiamento.

In altri casi, per contro, i sintomi dell’insufficienza cardiaca sono più palesi. A causa dell’incapacità del cuore di pompare quantità adeguate di sangue e di irrorare così gli organi (come i reni e il cervello) possono manifestarsi svariati sintomi, tra cui:

  • difficoltà respiratorie
  • gonfiore a livello di piedi e gambe
  • carenza di energia e spossatezza
  • sonno disturbato a causa di problemi di respirazione
  • gonfiore o dolore addominale, perdita di appetito
  • tosse con espettorato “schiumoso” o catarro
  • aumento della minzione notturna
  • confusione
  • perdite di memoria

Fattori di rischio

Alcuni soggetti mostrano una maggiore predisposizione allo sviluppo di insufficienza cardiaca. Stabilire con certezza chi nel futuro andrà incontro a tale condizione è impossibile; ciononostante esistono dei fattori di rischio noti. Conoscerli e consultare un medico per istituire un trattamento precoce sono strategie efficaci per la gestione dell’insufficienza cardiaca. I fattori di rischio associati all’insufficienza cardiaca comprendono:

  • pressione sanguigna alta (ipertensione)
  • attacco di cuore (infarto del miocardio)
  • anomalie delle valvole cardiache
  • ingrossamento del cuore (cardiomegalia)
  • anamnesi familiare di cardiopatia
  • diabete

 

Diagnosi

Solo il medico (è consigliato rivolgersi ad uno specialista) è in grado di stabilire se esista una condizione di insufficienza cardiaca e a quale stadio si trovi. A tale scopo, analizzerà l’anamnesi del paziente, prendendo in considerazione anche le affezioni passate e presenti, l’anamnesi familiare e lo stile di vita. Durante l’esame obiettivo, il medico valuterà inoltre cuore, polmoni, addome e gambe per verificare la presenza di segni di insufficienza cardiaca.

Per escludere o confermare una diagnosi di insufficienza cardiaca il medico potrà prescrivere uno o più dei seguenti esami diagnostici:

  • ecocardiogramma
  • elettrocardiogramma (ECG)
  • radiografia del torace
  • esame sotto sforzo
  • cateterizzazione cardiaca

Lo staff di Infermieri-Italia.it consiglia di non sottovalutare sintomi importanti come quelli sopra indicati, e dunque di rivolgersi al proprio medico curante o ad uno Specialista. Ricordiamo a tutti, che la diagnosi Medica è un atto Medico dunque nessun professionista, all’infuori di quest’ultimo, può formulare tale diagnosi. Ricordiamo infine agli Infermieri che è loro compito, nel caso di dubbi o sospetti, indirizzare il paziente ad uno specialista.

 

LINK MEDTRONIC

About the author

Nato a Maglie in Provincia di Lecce, laureato in Infermieristica presso l'Università degli Studi di Siena. Presta servizio inizialmente presso un poliambulatorio specialistico specializzandosi nella lettura di ECG. Diviene Istruttore di BLSD Adulto e Pediatrico dell'American Heart Association. Nel Marzo 2015 lavora come Staff Nurse in Chirurgia d'Urgenza, presso il Darlington Memorial Hospital a Darlington (United Kingdom). Nel Giugno 2017 ottiene il ruolo di Surgical Nurse Practitioner in Clinical Decision Unit dove si specializza nell'assessment del paziente chirurgico e il trattamento farmacologico. E' ideatore e fondatore di TheNursingPost.com. Ricopre le cariche di: -Presidente dell'Associazione Culturale "Ad Maiora" attiva nel campo della divulgazione scientifica -Supplente dei Revisori dei Conti del Collegio IPASVI di Lecce -Presidente dei Revisori dei Conti del Nucleo CIVES di Lecce

Related Post

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

The Nursing Post

webmaster@thenursingpost.com

Ideato, creato e gestito da mircopila

Desclaimer TNP
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo. info@thenursingpost.com