News Infermieri
La proposta di Veronesi che, dopo un anno, ancora sdegna gli Infermieri!

La categoria infermieristica nel corso degli anni ha dimostrato di accettare le nefandezze che la quotidianità propina alla professione.

In un articolo pubblicato sul sito IPASVI di Frosinone possiamo leggere la proposta di Veronesi, agli Studenti di Medicina, di diventare prima Infermieri e poi Medici. Per quanto essa non sia una sua idea (fu Giulio Maccacaro a proporla per la prima volta) ha già avuto la sua dose di critiche e sdegni da parte sia della categoria medica, che di quella Infermieristica.

Ma procediamo per gradi. L’intera vicenda è partita nel tentativo di risolvere il problema del numero chiuso al corso di laurea di Medicina e Chirurgia. Veronesi ha pensato, evidentemente, che far diventare medico, solo chi avesse prima conseguito la laurea in Infermieristica, fosse una buona idea sia per l’eliminazione del numero chiuso che per dare ai nuovi medici quel contatto col paziente che ormai, secondo lo stesso Veronesi,  ha in parte messo nel dimenticatoio.

Veronesi-Umberto-2Ovviamente le critiche da parte della Professione Medica, sono rivolte nei confronti della lunghezza del possibile nuovo corso di laurea e riguardo le critiche mosse da Veronesi a proposito del la mancanza di contatto umano.

Dall’altra parte gli Infermieri si sono sentiti demolire anni di conquiste sull’identità della professione Infermieristica ritornando alla posizione di subalterni ad una Professione, che per quanto affine, non c’entra in alcun modo con quella fondata dalla Nightingale.

E se poi l’infermiere non riuscisse a diventare medico? Resterebbe infermiere, e forse la professione infermieristica, già di per sé prestigiosa anche se spesso misconosciuta, ne riceverebbe il lustro che le spetta.

Veronesi, nella suddetta citazione, afferma che la professione Infermieristica ne gioverebbe in questioni di Prestigio. Una frase che a nostro parere, non ha alcun senso logico: Una Professione che fino ad ora (almeno per legge) è equiparata a quella del medico, come potrebbe guadagnare in Prestigio, diventando nuovamente subalterna alla Professione Medica?

Infine, il sottoscritto ha la presunzione di proporre allo stesso Veronesi la soluzione alla problematica del Contatto Umano perso dai medici: Professori Universitari Infermieri che insegnano ai nuovi studenti di Medicina fondamenti di Infermieristica Relazionale e di Infermieristica Clinica.

Una proposta che, sicuramente, non piacerà alla dirigenza ed a buona parte della categoria Medica, che fino ad ora non ha mai guardato all’Infermiere, come un professionista da cui attingere conoscenze.

 

About the author

Nato a Maglie in Provincia di Lecce, laureato in Infermieristica presso l'Università degli Studi di Siena. Presta servizio inizialmente presso un poliambulatorio specialistico specializzandosi nella lettura di ECG. Diviene Istruttore di BLSD Adulto e Pediatrico dell'American Heart Association. Nel Marzo 2015 lavora come Staff Nurse in Chirurgia d'Urgenza, presso il Darlington Memorial Hospital a Darlington (United Kingdom). Nel Giugno 2017 ottiene il ruolo di Surgical Nurse Practitioner in Clinical Decision Unit dove si specializza nell'assessment del paziente chirurgico e il trattamento farmacologico. E' ideatore e fondatore di TheNursingPost.com. Ricopre le cariche di: -Presidente dell'Associazione Culturale "Ad Maiora" attiva nel campo della divulgazione scientifica -Supplente dei Revisori dei Conti del Collegio IPASVI di Lecce -Presidente dei Revisori dei Conti del Nucleo CIVES di Lecce

Related Post

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: